CHI SIAMO

CONTRO I PREGIUDIZI

CONTRO L'OMOFOBIA

LA PRIMA SQUADRA DI RUGBY

INCLUSIVA D'ITALIA

LIBERA.

 

 

Libera Rugby Club è la prima squadra maschile di rugby gay-friendly e inclusiva in Italia.

L’obiettivo di Libera è promuovere la diffusione del gioco del rugby nella comunità LGBT, fornendo un ambiente sociale e sportivo dove tutti si sentano accettati e rispettati indipendentemente dal loro orientamento sessuale, contribuendo in tal modo a combattere l’omofobia nel mondo dello sport. Inoltre, dato che circa il 25% dei giocatori di Libera è eterosessuale, la squadra è anche un luogo di scambio di esperienze tra due mondi (quello eterosessuale e quello LGBT) che molto spesso non hanno degli spazi di incontro.

La squadra è federata CONI.

Perché una squadra di rugby inclusiva?

Il mondo del rugby non è particolarmente omofobo, ma spesso si sente parlare del rugby come uno sport per “veri” maschi, contribuendo a dargli una immagine eccessivamente machista. Questo potrebbe frenare molti giovani ragazzi dallo scegliere il rugby come sport da praticare. Ecco perché abbiamo deciso di creare una squadra: percepiamo che c’è molto interesse per il rugby nella comunità gay romana, ma pochissimi ragazzi realmente fanno parte di una squadra di rugby. Noi vogliamo offrire ai ragazzi gay e ai loro amici l’opportunità di iniziare a giocare a rugby in un ambiente privo di pregiudizi indipendentemente dal proprio orientamento sessuale.

Chi fa parte della squadra?

Attualmente la squadra è formata da circa 20 ragazzi, gay e eterosessuali, di diversa età. Alcuni di noi hanno molta esperienza rugbistica, ma la gran parte non aveva mai giocato a rugby prima di unirsi a Libera.

Cosa facciamo?

Libera è una vera e propria squadra di rugby per cui ci alleniamo tutte le settimane e disputiamo incontri sia contro altre squadre di rugby gay-friendly, sia contro squadre di rugby “regolari”. Oltre a giocare ed allenarsi, i giocatori di Libera e il suo staff tecnico organizzano diversi eventi sociali: cene, feste, uscite serali, ecc.. Il lato sociale è essenziale anche per rendere la squadra più affiatata in campo.